L'associazione

L’ASSOCIAZIONE FRANCO MOLE’, con sede legale a Terni, è nata alla fine del 2008 sull’onda di una serie di serate e spettacoli, organizzati da Ferdinando Ceriani, dedicati a Franco, a Terni e a Roma, che hanno visto la partecipazione, tra gli altri, di Claudia Cardinale, Maurizio Scaparro, Pasquale Squitieri, Cosimo Cinieri, Enrica Bonaccorti, Moreno Cerquetelli, Lino Patruno, Martine Brochard.

Questa bella esperienza, l’adesione entusiasta della gente, il sostegno e l’affetto dimostrati dagli addetti ai lavori e dalle istituzioni ternane,  ci hanno confermato la necessità di creare un organo culturale che raccolga e tramandi il grande patrimonio che Franco Molè ci ha lasciato in eredità, patrimonio che non si riduce alle opere scritte ma anche a tutto quel materiale (locandine, copioni, costumi, scenografie, riviste, libri, tesi di laurea) che la sua Compagnia Alla Ringhiera ha accumulato nei suoi trent’anni di vita.

Struttura e obiettivi

L’Associazione è presieduta dall’Avv.Nicola Molè e il suo organo direttivo comprende  personalità dello spettacolo quali: Martine Brochard, Ferdinando Ceriani (che ne è anche direttore artistico), Moreno Cerquetelli (giornalista di RaiTre), Maurizio Scaparro (regista), Roberto Vallerignani (scrittore e sceneggiatore) nonché da rappresentanti illustri della società civile ternana, tra gli altri Alberto Freddi, Franco Argenti, Marcello Ghione, Eraldo Bordoni ed altri.

Il suo compito è quello di realizzare, a Terni, in Umbria e in Italia, la produzione e programmazione di spettacoli e eventi culturali, anche interdisciplinari, che valorizzino l’opera e la figura artistica del drammarturgo ternano Franco Molè.
 

Attività

Tra le tante attività in essere e in progettazione, con il Comune di Terni e con altri enti pubblici e privati, ricordiamo il premio Franco Molè per giovani attori e registi che ha conosciuto la sua prima edizione nel 2011, all’interno della programmazione delle feste valentiniane a Terni.



“…Non ho mai ricercato cose irraggiungibili… Capii solo che quelli rappresentati da uomini come lui, erano gli unici valori possibili e concreti.
Hanno il pregio di mille gradazioni. Hanno il pregio di una lotta continua, dura, contrastante. Quasi sempre durano l’esistenza stessa di chi li ricerca. Qualche volta però vanno aldilà del tempo. Ed è quello che conta…”.


Le Armonie – Franco Molè